Arance Tarocco Igp da Tavola Asso

2,00 €
Tasse incluse

1 Kg Origine: Sicilia

Quantità
Non disponibile

  • Raccolte e Spedite Raccolte e Spedite
  • Spedizione Gratis Spedizione Gratis
  • Imballaggi Riciclabili Imballaggi Riciclabili

Le arance siciliane tarocco sono una varietà dell’arancia rossa di Sicilia, un frutto celebre in tutto il mondo e che nasce nelle province di Catania, Enna e Siracusa. Acquistalo subito su Vulcano Food!Prodotto 100% italiano Le arance siciliane tarocco sono una varietà dell’arancia rossa di Sicilia, un frutto IGP che nasce nelle province di Catania, Enna e Siracusa.Hanno la buccia sottile e color arancio acceso, con sfumature rosse. Prive di semi, maturano tra dicembre e aprile. Sono perfette da consumare al naturale – si sbucciano molto facilmente – ma anche per essere impiegate in ricette più o meno elaborate.Arance tarocco da tavola: proprietà e benefici Le arance siciliane tarocco sono ricche di proprietà. Il merito è soprattutto delle vitamine: la A, la C e molte vitamine del gruppo B, capaci di combattere l’inappetenza e di favorire la digestione. Con le arance, il sistema immunitario si rafforza, e la possibilità di contrarre raffreddore e malattie da raffreddamento diminuisce.Unita ai bioflavonoidi, la vitamina C contenuta nelle arance siciliane tarocco dà vita a un mix prezioso per la ricostruzione del collagene del tessuto connettivo: denti e ossa si rafforzano e così anche le cartilagini, i legamenti e i tendini. Inoltre, il flusso venoso migliora prevenendo la fragilità capillare e combattendo la cellulite. Come tutte le arance rosse, anche le tarocco contengono poi molte antocianine, capaci di contrastare gli stati infiammatori.Le arance siciliane tarocco sono utili per chi soffre di anemia – poiché la vitamina C aiuta l’assorbimento del ferro – e per prevenire i tumori del colon e del retto, grazie alla presenza dei terpeni. Persino la scorza bianca interna è preziosa, col suo contenuto di fibre alimentari che prevengono diabete e arteriosclerosi e migliorano l’attività intestinale. E la buccia, col suo limonene, che contrasta gli effetti degli estrogeni, aiuta così a proteggersi dal cancro alla mammella.Infine, i caroteni (precursori della vitamina A), sono importanti per gli occhi, la pelle e la prevenzione delle infezioni.Controindicazione delle arance tarocco da tavolaLe arance siciliane tarocco, aumentando l’acidità, vanno evitate in caso di gastrite. In caso di cistite non vanno consumate a digiuno – poiché aumentano l’acidificazione delle urine – mentre, se si soffre di diarrea, vanno evitate per il loro contenuto di fibre. Coltivazione delle arance tarocco da tavolaL’arancio può essere coltivato sia tramite talea che tramite innesto. La sua altezza può raggiungere i 12 metri, le sue foglie allungate sono verde scuro, i suoi fiori bianchi profumati.Per coltivare le arance siciliane tarocco è necessario che il clima sia caldo e temperato – tra i 13° e i 30° gradi sarebbe l’ideale, considerando che la pianta soffre le temperature inferiori ai 3° -, con poche piogge nelle stagioni fredde. Il terreno deve essere a medio impasto, profondo, fertile e ben drenante, con un PH tra i 6.5 e i 7.5: lo si prepara concimandolo qualche mese prima della messa a dimora (tra la fine di marzo e la fine di maggio). Una volta che le piantine sono messe a dimora, si irriga abbondantemente.Tra la fine di giugno e l’inizio di luglio, e una volta durante l’inverno, le vanno potate, eliminando i rami sacchi, quelli piegati verso il basso e quelli che hanno già fiorito.La raccolta va effettuata tra dicembre e febbraio. Valori nutrizionali e calorieLe arance siciliane tarocco apportano 33.85 kcal ogni 100 grammi. Poverissime di grassi (0.2 grammi) e di proteine (0.7 grammi), contengono 7.8 grammi di carboidrati.A caratterizzarle è la presenza delle fibre (1.60 grammi) e dei macrominerali: su tutti, potassio, calcio e fosforo, Varietà di aranceSono tantissime, le varietà di arance. Le tarocco, ad esempio, appartengono al gruppo dell’Arancia rossa di Sicilia - insieme alle Moro e alle Sanguinello – che, per il colore della sua polpa – differisce dalle tante varietà di arance bionde.In Italia vengono coltivate oltre 20 tipologie di arance da tavola e altrettante da spremuta. Ricette con arance tarocco siciliane da tavola Marmellata di aranceLavare 2 kg di arance siciliane e 2 limoni con acqua calda, e tagliarli in piccoli pezzi. Metterli in una pentola e lasciarli macerare coperti d’acqua per 24 ore. Scolare la frutta, aggiungere 1 kg di zucchero e cuocere a fuoco lento per 45 minuti. Quando la marmellata è quasi pronta, frullare grossolanamente con un mixer a immersione.Gelatine di aranciaMettere in ammollo 3 fogli di colla di pesce; spremere il succo di 2 arance e filtrarlo con un colino (bisogna ottenerne 80 ml). Spremere il succo di ½ limone e unirlo al succo d’arancio. In un pentolino, far bollire i succhi con 130 grammi di zucchero e unire la colla di pesce. Versare il composto in stampi per gelatine (o per il ghiaccio) e far riposare in frigo per alcune ore. Staccare le gelatine dagli stampi e brinarle rigirandole nello zucchero semolato.  Biscotti all'aranciaIn un pentolino, sbattere 1 uovo e 1 tuorlo con 100 grammi di zucchero. Aggiungere 30 grammi di amido di mais setacciato, 260 ml di latte e 60 ml di succo d’arancia. Cuocere a fiamma bassa aspettando che la crema si addensi e lasciar riposare coperta da pellicola.Nel mixer, frullare 250 grammi di farina con 125 grammi di burro fino a ottenere un composto farinoso. Impastare con 100 grammi di zucchero a velo, 2 tuorli e la scorza grattugiata di un’arancia. Formare un panetto e far riposare per 30 minuti. Stendere la frolla in uno spessore di 2-3 mm e ritagliare 40 cerchi da 5-6 cm.Con una sac à poche, farcire la metà dei dischi con un ciuffetto di crema; spennellare i bordi con un albume sbattuto e coprire con gli altri dischetti sigillando bene.Cuocere a 170° per 20 minuti. Scorzette d'arancia canditeTagliare 1 kg di arance non trattate e dalla buccia spessa a spicchi; togliere la polpa con un coltello. Tagliare la buccia a strisce larghe 0.5 cm.Far bollire le scorze in acqua abbondante per 5 minuti, scolarle e farle raffreddare in acqua e ghiaccio. Scolarle di nuovo e immergerle in un pentolino con 1 litro d’acqua e 600 grammi di zucchero sciolto. Far bollire a fuoco dolce per 2 ore.Ricoprire il pentolino con un foglio di pellicola forandola con un coltello e far riposare per 1 notte; il giorno dopo, ripetere l’operazione di cottura e copertura.